Il pane in cucina: zuppa di cavolo nero, patate e pane raffermo

Può capitare che il pane acquistato non venga consumato del tutto e spesso finisce tostato per diventare poi pan-grattato? Ma è davvero questa l’ unica possibilità per utilizzare il pane raffermo non più freschissimo? Noi diciamo di no e vi diamo qualche consiglio per utilizzare il pane anche in alcune ricette.

Le nostre nonne lo sapevano bene che il pane è una risorsa in cucina ed infatti lo usavano nelle farciture o per farne squisite polpette; noi invece vi diamo la ricetta per fare una gustosa zuppa adatta a questi mesi invernali e che potrebbe essere utile anche nei giorni che seguono le festività natalizie come rimedio detox dopo le grandi abbuffate tipiche delle festività.

La zuppa che vi suggeriamo si fa con le foglie di cavolo nero, patate e pane raffermo.

Visto che oggi le famiglie sono sempre più ridotte e il numero dei single è cresciuto, noi vi diamo la ricetta per una sola persona e poi a voi basterà semplicemente moltiplicare la dose per il numero di persone per cui volete cucinarla e il gioco è fatto.

 

Zuppa di cavolo nero, patate e pane raffermo

Ingredienti per 1 persona:

– 10 foglie di cavolo nero

– 1 patata medio-grande

– 3 fette di pane raffermo

– verdure da brodo o in alternativa un dado vegetale

– olio etravergine d’ oliva

Innanzitutto preparate un brodo vegetale con cipolla, carote, sedano, 1 pomodorino. Se non avete queste verdure, potete usare un dado vegetale ma ricordate che è sempre meglio la verdura fresca.

Lavate le foglie di cavolo nero e tagliate la parte più dura del gambo; dopo tagliate le grossolanamente la parte tenera e tenetele da parte.

Pelate le patate e tagliatele a cubetti non troppo piccoli altrimenti in cottura si sfalderà. Dopo averli tagliati, immergete i cubetti di patata nell’ acqua per non farli annerire.

Taliate il pane a fette e spezzatelo grossolanamente con le mani e non bagnatelo.

In una padella a parte versate un paio di cucchiai di olio evo (extra-vergine d’ oliva) e vi fate imbiondire una cipolla tagliata a fettine; vi consigliamo una fiamma dolce.

Appena la cipolla sarà ammorbidita, aggiungete la patata tagliata. Fate cuocere cipolle e patate per qualche minuto, facendo attenzione che non si attacchino alla padella, e poi iniziate a versarvi il brodo con il mestolo.

A questo punto aggiungete anche le foglie di cavolo nero e fate cuocere per circa 15 minuti e pepate a piacere. Vi consigliamo di assaggiare il brodo e valutare se aggiungere un pò di sale: se avete usato il dado potreste anche evitare di mettere il sale, altrimenti regolatevi secondo il gusto personale.

A questo punto vi diamo un consiglio: se nel frigorifero avete una crosta di formaggio a pasta dura come il Parmigiano o il Grana Padano, potete aggiungerlo alla minestra perchè conferirà molto sapore e aiuterà anche ad addensarla.

Verso la fine della cottura, anche a fuoco spento, aggiungete il pane e  aspettate che si ammorbidisca e diventi un pò “papposo”. Per avere un risultato eccellente la zuppa deve rimanere un pò brodosa, quindi non bisogna esagerare con il pane altrimenti si asciugherà troppo.

Servite la zuppa in un piatto fondo, pepate a piacere oppure aggiungete del Parmigiano grattugiato a piacere.

Buon appetito!